Molte volte l’idea di viaggiare con i figli, soprattutto quando sono piccoli, può spaventare anche i genitori più coraggiosi, che spesso decidono di rimandare le vacanze o di rimanere in località vicine alla propria città di residenza.

Partendo dal presupposto che ogni viaggio è un’esperienza di vita a qualsiasi età, spostarsi con i bambini è più divertente e facile di quanto si pensi, se armati di forza di volontà e di un’organizzazione più che meticolosa per scongiurare ogni piccolo imprevisto.

Vediamo insieme qualche consiglio di viaggio!

 

Quando e come iniziare a viaggiare

Non esiste un momento preciso per iniziare a viaggiare, molto dipende dallo stato d’animo dei genitori o dall’esuberanza dei bambini. Dal punto di vista pratico e legislativo, i minori possono viaggiare a partire dalle 48 ore successive alla nascita (salvo problemi di salute e/o casistiche particolari), a seguito del rilascio del documento di identità, necessario anche in caso di semplici trasferte nazionali. L’ideale potrebbe essere cominciare con destinazioni a poche ore da casa, cercando di evitare periodi di festività o località troppo affollate, lasciando che i bambini si abituino all’iter del viaggio, aumentando poi di volta in volta la distanza e/o la complessità dell’itinerario.

In alcune destinazioni potrebbe essere richiesta un po’ più di accortezza, come ad esempio in Asia, Medio Oriente, Africa, Messico e America centro-meridionale, dove il clima più temperato e tropicale rende frequente il verificarsi del disturbo denominato “diarrea del viaggiatore”. Può essere utile in questi casi iniziare un ciclo di fermenti lattici prima del viaggio, continuando la sottoposizione anche durante la vacanza. I bambini piccoli, avendo meno anticorpi, potrebbero essere più soggetti a questi disturbi, ed è quindi bene partire informati su rischi ed eventuali comportamenti da adottare.

Attenzione anche alla montagna se il bimbo è molto piccolo: le altitudini elevate sono sconsigliate, così come le passeggiate in spalla. Meglio evitare di salire rapidamente di quota o di sostare a lungo sopra i 2000 metri di altitudine.

Ps. Non esistono destinazioni giuste o sbagliate, sicuramente possono esserci viaggi più o meno adatti in base a età ed esigenze di chi viaggia!

Per ulteriori informazioni sui viaggi in famiglia: https://sip.it/2018/06/11/bambini-guida-viaggiare-sicuri/

Per rileggere il nostro articolo sui documenti di viaggio >

 

Qualche regola generale

Ogni mezzo di trasporto si caratterizza di vantaggi e svantaggi: l’aereo permette di ottimizzare le tempistiche degli spostamenti ma può essere più stressante per i piccoli, mentre in auto oppure in treno si ha una maggiore flessibilità sull’accesso ai servizi fisiologici (per es. autogrill,servizi toilette e ristorazione nei vagoni ecc) e al controllo del viaggio.

Pur variando notevolmente a seconda della compagnia e del mezzo di viaggio effettivo, in ambito turistico si considerando i minori fino a 2 anni non compiuti come “Infant”, senza diritto a posto a sedere o a bagagli da trasportare. Oltre tale periodo e fino ai 12 anni non compiuti, si parla invece di “Child”, con assegnazione posto e franchigia bagaglio al pari degli adulti ma con tariffa ridotta. In entrambi i casi, generalmente viene concesso di portare gratuitamente uno o due accessori di viaggio come passeggino, ovetto o seggiolino: tale regolamentazione varia in maniera consistente, si raccomanda perciò di verificare i dettagli di viaggio in base al proprio vettore di riferimento.

Importante! In fase di prenotazione bisogna sempre considerare e/o indicare l’età dei bambini al momento del viaggio e non all’atto della prenotazione.

 

App dedicate

Sfruttando l’innovazione tecnologica del periodo attuale, numerosi suggerimenti possono arrivare anche da app esistenti o in via di sviluppo. Ecco alcuni riferimenti utili e gratuiti:

BABY OUT: permette di rintracciare tutte le aree di servizio baby friendly, con fasciatoi, baby menù e persino zona gioco, oppure supermercati con offerte per famiglie (app attualmente disponibile per Sicilia, Roma, Toscana, Calabria, Lombardia, Veneto, Trento, Valencia e New York);

AROUND ME: permette di trovare tutto ciò che serve nelle più immediate vicinanze, che siano ristoranti e farmacie oppure parcheggi e negozi dedicati;

PLAYGROUND AROUND THE CORNER: permette di visualizzare sulla mappa gli spazi verdi più vicini, con foto e descrizioni dettagliate di ogni area;

FLUSH: permette di geolocalizzare i bagni pubblici più vicini anche da dispositivo offline, verificando l’eventuale costo e/o l’accessibilità per persone disabili.

Per tutte le altre app di viaggio utili puoi leggere l'articolo in cui ne parliamo >

 

Viaggiare in aereo

Il viaggio in aereo spesso causa più preoccupazione nei genitori, che devono affrontare un alto numero di variabili, partendo dal viaggio fino all’aeroporto, i controlli di sicurezza prima dell’imbarco e l’intrattenimento dei più piccoli durante il volo.

Sempre più terminal aeroportuali e compagnie aeree prevedono servizi dedicati, ingressi prioritari e possibilità di saltare la fila durante i controlli di sicurezza (in alcuni casi il servizio è a pagamento), che permettono a chi viaggia con bambini di ottimizzare una parte del viaggio.

Grazie all’ammodernamento degli aeromobili inoltre, sempre più compagnie offrono intrattenimento dedicato e schermi touch per ogni passeggero, con la possibilità di vedere film o giocare durante il volo. Sul sito di ogni compagnia aerea vengono presentati gli aeromobili in uso e i relativi servizi a bordo, insieme alla regolamentazione in atto per articoli consentiti a bordo o franchigia bagaglio specifica.

 

Per ulteriori informazioni sui viaggi in aereo con bambini:

https://familycation.it/viaggiare-con-bambini-piccoli-in-aereo-cosa-sapere/ 

 

Per ulteriori informazioni sui servizi in aeroporto:

https://www.veneziaairport.it/info-e-assistenza/famiglia-e-bambini.html

https://www.bologna-airport.it/necessita-particolari/famiglie-e-minori/in-aeroporto/?idC=62305

https://www.adr.it/servizi-per-le-famiglie

https://www.milanairports.com/it/guida-passeggero/famiglie-bambini

 

Per ulteriori informazioni su cosa portare a bordo:

https://www.enac.gov.it/passeggeri/cosa-portare-bordo

LASCIA UN COMMENTO