Il Viaggio ci conduce ad emozioni continue, ci fa sentire esploratori e avventurieri. Viaggiare non è sempre una scelta ma quando lo è diventa un dono.
Si viaggia per conoscere posti nuovi, per ritrovare posti conosciuti, per ricongiungersi ai propri cari o per incontrare gente nuova, per stare soli, per imparare nuove lingue, per assaggiare nuovi profumi e gusti ma anche per riposare.

Cosa dice la scienza

Gli studi condotti da neuroscienziati dimostrano che il viaggio ha un effetto positivo sul nostro cervello. Incontrare persone e scoprire nuovi posti apre la mente a culture e a modi diversi di pensare.
Le esperienze che incontriamo durante i viaggi sono fondamentali per creare connessioni neurali nel nostro cervello, aumentare la flessibilità cognitiva e mantenere la mente attiva.
Gli studi di psicologia effettuati dal Journal of Personality and Social Psychology hanno dimostrato che viaggiare aumenta la creatività e la consapevolezza, migliorando così la crescita personale.
In sintesi, più viaggiamo, più siamo felici e in salute, più siamo produttivi e in grado di vedere il mondo con una prospettiva positiva e diversa.

I benefici del viaggio

I viaggi hanno effetti positivi su qualunque aspetto della nostra vita: mentale e fisica. Ecco quali sono i principali benefici:

1.Viaggiare aumenta la creatività e riduce i livelli di stress

Viaggiare è un ottimo metodo anti stress perché sposta l’attenzione dai problemi che provocano ansia, insonnia e depressione e la concentra su pensieri positivi, sul qui e ora, sulla consapevolezza sensoriale, migliorando il nostro stato di salute fisica ed emotiva. La libertà di uscire dai ruoli e liberarsi dalle maschere che il quotidiano ci impone permette di ritrovare il piacere della semplice spensieratezza, il gusto del gioco e della libertà intesa come spazio mentale che i bambini hanno innato ma che gli adulti perdono col passare del tempo. “Coloro che integrano una nuova cultura all’interno della propria identità sono più creativi”, dice William Maddux, PhD di psicologia sociale dell’Università dell’Ohio. Questo è il concetto alla base della flessibilità cognitiva, necessaria per ridurre i livelli di stress e mantenere un buono stato di equilibrio e benessere mente-corpo.

2. Viaggiare ci permette di affinare le nostre capacità di problem-solving 

Proprio la capacità di essere creativi e guardare un problema da più angolazioni aiuta a risolvere i problemi più facilmente. Il problem solving consiste nello spostare la propria attenzione dalle cause alle soluzioni alternative, riducendo così la percezione di rabbia e aumentando il senso di autoefficacia. Avere una strategia per affrontare i problemi tipici di un viaggio, ci aiuta non solo a ridurre il nervosismo ma anche ad utilizzarlo in modo funzionale. Siamo più flessibili di quanto pensiamo e siamo capaci di affrontare e risolvere situazioni critiche e conflittuali.

3. Viaggiare accresce la nostra autostima

Fare esperienze nuove, uscire dalla nostra rassicurante ma soffocante consuetudine, ci sorprende e ci aiuta a vedere le nostre potenzialità. “Cos’altro potrei fare?” chiede la nostra mente ad ogni sfida superata. Ansia, stanchezza, paura e disagio, una volta vissuti come esperienza diretta e non solo immaginata, diventano strumenti potenti di empowerment, ci rendono liberi e ci permettono di godere il flusso della vita con maggiore libertà, fiducia in noi stessi e autoironia.

4. Viaggiare sviluppa la nostra intelligenza emotiva

L’intelligenza emotiva identifica la nostra capacità di osservare, valutare e controllare le emozioni proprie, degli altri e della realtà che ci circonda. Autoconsapevolezza, autoregolazione, abilità sociali, empatia e motivazione interna rappresentano i mattoni con i quali costruire la propria casa emotiva e la nostra capacità di vivere nel mondo. Il viaggio, ogni viaggio fatto con consapevolezza sviluppa la nostra capacità di osservare ciò che non ci è familiare e conosciuto, di vedere le nostre emozioni negative al lavoro in un ambiente estraneo, di regolare le nostre interazioni sociali lasciandoci alle spalle le limitazioni del nostro ego, di ritrovarci con gli altri e con l’ambiente in un luogo neutro dove l’accettazione diventa spontanea e di fare tutto questo per il piacere di farlo. Semplicemente.

Per ulteriori informazioni: https://www.shapeme.it/blog/benefici-dei-viaggi/

 

Viaggiare con le persone care rafforza i legami e costruisce memorie mentre farlo da soli permette di costruire solide basi di empatia e condivisione.
Viaggiare in gruppo rafforza la collaborazione e insegna a ridefinire i propri bisogni in funzione dell’altro.
Ogni viaggio porta alla scoperta di cose nuove e ci rende più vicini a usi e costumi di tradizioni diverse dalla propria, permettendoci di guardare la vita in modo diverso, sempre alla scoperta di nuovi punti di vista!

 

Più viaggi e più viaggeresti! Se non ti senti pronto per farlo in completa libertà ci pensiamo noi ad accompagnarti alla scoperta di nuove mete e destinazioni.
Viaggiare è divertente, rende liberi e appaga il desiderio di avventure, una volta che si comincia è impossibile smettere!

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

LASCIA UN COMMENTO